Let’s Talk With: Jeanne Santoli (@viewmore)

Durante la scorsa edizione del KICKIT, tenutasi Domenica 23 Settembre, noi di IOBI Mag abbiamo avuto occasione di intervistare alcuni degli ospiti di questo evento.

Di seguito l’intervista con Jeanne Santoli (conosciuta come @viewmore) classe ’95 svizzera di nascita, influencer da 40k di followers su Instagram, è una fan dello streetwear e in particolare dello ”swoosh”. Possiede centinaia di sneakers in quanto afferma che, sin da bambina, ha comprato Nike perchè voleva vestire come i suoi rappers preferiti.

Ad oggi è Visual Merchandiser per Louis Vuitton a Parigi e testimonal per Nike France e Snipes Francia.

Qui prima dell’intervista potete trovare il recap fotografico dell’evento.


Sadi Sabahu@esseadii
Jeanne Santoli: @viewmore
—————————————————————————

Secondo te, com’è interpretato oggi il termine streetwear e se ti va prova a dare un fashion advice alla nuova generazione creativa femminile che ne fa parte.

Il termine più giusto per definire lo streetwear è senz’altro “creativo” e personalmente lo considero un lifestyle più che un modo di vestire. Devo dire che per noi ragazze è sempre un po’ più difficile esprimerci tramite uno stile propriamente maschile, però questo non deve essere un ostacolo, anzi dobbiamo considerarlo un modo per dimostrare che non ci sono più barriere di stile nella moda. L’unico consiglio che posso dare è “make what you want”, la moda è anche una forma di espressione quindi facciamo in modo di essere liberi da quel punto di vista. Non bisogna pensare solamente ad apparire indossando marchi che fanno “hype”, dovremmo andare oltre certi stereotipi e ricercare anche brand di nicchia che rappresentino al meglio il nostro stile.

In fatto di moda, cosa c’è di nuovo oggi?

Non è propriamente una novità ma mi sento di dire la nuova collezione del brand Carhartt. Anche Neighborhood, un brand giapponese molto minimal che consiglio seguire. Adoro anche i capi tecnici come per esempio la collezione “ACG” di Nike.

Come e quando è iniziata questa passione per le sneakers?

Ho iniziato quando avevo all’incirca 15/16 anni. La mia adolescenza è stata segnata particolarmente dal mondo dello street art e della musica hip-hop i quali mi hanno avvicinato sempre di più alla corrente di stile che meglio li rappresentava: lo streetwear.

Ti ricordi la tua prima scarpa in assoluto?

Ovvio che me la ricordo; era una Nike Air Max Plus TN, modello che rimarrà sempre il mio preferito.

Se dovessi indossare un solo outfit per il resto della vita quale sarebbe?

Allora, ai piedi sicuramente una Nike Air Max Plus TN “TIGER”, poi pantaloncini Carhartt camo e per finire una tee di Nike “ACG”.

La tua sneaker rotation del momento?

Adesso sono nella Nike Air Jordan 1 fase, non riesco a indossare altro.

Ho visto tramite il tuo profilo Instagram che oltre alle scarpe hai anche molti accessori e baby versioni delle tue sneaker, ne hai uno a cui sei particolarmente legata?

Quella a cui sono più legata è una baby versione della Nike Air Max Plus TN di cui ne ho una uguale anche della mia size. Quando compro una baby sneaker mi piace averne anche un paio personale da indossare.

Qual è la release che più ti ha entusiasmato?

Partendo dal fatto che quest’anno ci sono state tantissime release, la mia preferita in assoluto è stata la Nike Air Max 1/97 by Sean Wotherspoon poiché è una sneaker che ti trasmette “good vibes” grazie anche ai colori che la rivestono.  Poi tra qualche mese la Nike Air Max Plus TN compirà 20 anni e per l’occasione rilanceranno sul mercato la versione OG che presenteranno nelle colorway “Blue” e “Tiger”.

Total
14
Shares