What’s New In Town: Abjurism

Eccoci ad un nuovo capitolo della nostra rubrica What’s New in Town? dedicata a tutti i nuovi talenti e brand emergenti del panorama streetwear italiano.

Oggi vi parleremo di un progetto volto a dichiarare la sua idiosincrasia al movimento ideologico della cultura underground del nostro paese.

Come ai suoi tempi Galileo Galilei difronte alla Santa Inquisizione, il giovane Francesco Silvestre porta il suo Atto di Abiura al cospetto della fashion industry.

Leggete attentamente il primo capitolo di Abjurism.

EF: Ciao, hai voglia di presentarti?

FS:  Sono Francesco ho 20 anni è voglio far si che l’atto di abiura che ho costituito arrivi al maggior numero di persone possibili, così da poter diffondere la mia ideologia ed il mio pensiero su questo mondo che si sta lentamente degenerando.

What's New in Town: Abjurism

EF: Ma spiegaci bene, cos’è un’Atto di abiura?

FS: L’Atto di abiura sono quelle tre parole che sintetizzano al meglio la filosofia e lo spirito del mio brand.

Senza dilungarci troppo, è un documento utilizzato sin dall’epoca romana, nel quale un soggetto o una comunità certifica la sua dichiarazione di abiura e cioè rinnega l’appartenenza ad una ideologia. Il tutto per fini propagandistici.

What's New in Town: Abjurism

EF: Come si collega tutto questo con la cultura ed il panorama street?

FS: L’abbigliamento è la mia propaganda. Le mie parole, i miei concetti ed il mio credo sono espressi tramite le mie creazioni, andando a formare così l’opera Abjurism.

What's New in Town: Abjurism

EF: Cosa rinneghi dell’ideologia contemporanea?

FS: Sicuramente quello che mi fa incazzare è una totale mancanza di conoscenza della cultura e della storia che ha portato il mondo dell’underground ad essere quello che è oggi.

Con l’assenza di quest’elemento base è diventato sempre più facile l’ostentare la propria persona, il proprio io ed il proprio ego attraverso capi visti indossati ad artisti, personaggi illustri e blogger tramite le piattaforme social.

Questo crea una approvazione di massa, che si trasforma in una totale mancanza di carattere e originalità rendendo così tutti uguagli.

What's New in Town: Abjurism

EF: Vedendo la grafica dei capi sembra che tu voglia invece sfruttare ed uniformarti a ciò che ti ribelli. È una scelta voluta?

FS: Non vi è ribellione.

Tutti marchi citati nella grafica sono volenti o nolenti istituzioni di questo mondo.

La stampa vuole arrivare all’attenzione di tutti coloro che conoscono solo il lato “Hype” di questi brand, senza avere la consapevolezza di tutto quello che realmente essi racchiudono.

What's New in Town: Abjurism

Se volete aderire a questo atto di rigetto potete collegarvi al sito e seguire il profilo Instagram.

Le prime pagine sono state scritte, l’opera si sta costituendo ma ancora molto deve essere pubblicato…

Total
10
Shares